martedì 17 luglio 2012

Per non farsi ingannare dalle apparenze...

Questa volta un vortice di alta pressione è davvero presente e spinge dall'Atlantico, con il suo centro al largo delle coste occidentali della penisola iberica e della Francia. E' l'anticiclone delle Azzorre e porta sull'Italia punte di 1028 millibar. Dunque adesso arriva aria più fresca e le temperature scendono ulteriormente. E' un calo che interessa anche le regioni meridionali. Resta un'incognita e cioé si deve capire se le attività di aerosol diurne a bassa quota siano diminuite. Si direbbe di sì e questo, chiaramente, potrebbe aver influito non poco. Ma dove sono i cumuli da bel tempo? Non ci sono, poiché vengono dissolti notte tempo dalla dispersione di elementi igroscopici. Infatti il sorvolo di aerei non tracciati dai radar si intensifica dal tramonto e continua sino alle prime luci dell'alba, lasciando una traccia evidente, visibile anche sulle mappe satellitari: il particolato di ricaduta. A tale proposito, parecchi agricoltori testimoniano che, dopo il crepuscolo, comincia a cadere uno strano pulviscolo che brucia le foglie degli ortaggi e la frutta. I coltivatori aggiungono che è necessario coprire le coltivazioni per evitare che i prodotti della terra siano irreversibilmente danneggiati dalle nebbie di ricaduta.

Questo particolare mix, composto da metalli pesanti e polimeri che fungono da vettori, permettono, con queste condizioni climatiche, di rarefare gli interventi aerei diurni; nel comtempo impediscono la formazione di nubi che spesso rimangono, semidisfatte, circoscritte ai rilievi, senza però svilupparsi e dar luogo a rinfrescanti precipitazioni piovose.

Le previsioni per i prossimi giorni si richiamano sostanzialmente a quanto sin qui descritto, per cui non si annota null'altro e si rinvia al prossimo bollettino meteo.


Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

NOTA: Le condizioni meteo e le attività di aerosol clandestine sono previste in base alle informazioni indirettamente fornite dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Dati a loro volta incrociati con le previsioni fornite dai portali meteo che sono debitamente informati delle operazioni di geoingegneria clandestina sul territorio italiano ad opera dei militari.

30 commenti:

  1. Il nostro Dio li punirà basta aspettare!
    ciao da Foster

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo, è un piacere leggerti e sapere che sei sempre in trincea.

      Elimina
  2. Rosario io ho sempre pensato, evidentemente sbagliando, che un campo di alta pressione essendo tale non permette la formazione di nubi quelli che descrivi tu da bel tempo. Escludendo invece i temporali di calore, che quelli effettivamente potrebbero formarsi senza problemi senza attività igroscopica nelle ore più calde. Infatti ricordo che nell'estate di 9 anni fa, in Sardegna e in presenza di alta pressione si verificavano ogni giorni dei bei temporali estivi e il refrigerio era notevole.. Evidentemente era chiaro come nel 2003 non era ancora massiccio l'intervento di aerosol..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Non è tanto la pressione che induce la formazione di nubi, ma l'evapotraspirazione. In presenza, quindi, di UR elevata e sole, si formano i cumuli, non a caso chiamati, nei vecchi testi di meteorologia, "nubi da bel tempo".

      Elimina
    2. Cumulus

      Il cumulus o cumulo è una nube a piccolo o medio sviluppo verticale, che si presenta come una piccola torre o cavolfiore; essa ha base piatta o convessa a seconda dello sviluppo verticale.

      I cumuli si formano a causa delle correnti convettive create dalla radiazione solare e in genere sono indice, se poco sviluppate, di bel tempo stabile. Alcune volte, però, queste nubi si sviluppano molto in verticale formando i cumuli congesti che possono provocare rovesci anche forti e che sono lo stadio del cumulo prima della trasformazione a cumulonembo. Se le correnti ascensionali sono molto intense, alla sommità del cumulo congesto si può scorgere un piccolo cappuccio, denominato "pileus", indicatore di estrema instabilità atmosferica e precursore di intensi temporali.

      Elimina
    3. Cumuliform Clouds

      In many regions of the world, cumuliform clouds are the main precipitation producers. Cumuli (from small fair weather cumulus to giant thunderstorms) are characterized by vertical velocities often greater than 1.0 m s-1 and, consequently contain high condensation rates. They can contain the largest condensed water contents of all cloud types and can yield the highest precipitation rates. Their strong vertical currents can suspend particles for a long enough time for them to grow to large sizes (hail, large raindrops). For these reasons, cumulus clouds appear to be candidates for modification according to both the static and the dynamic seeding hypotheses.

      Field experiments with in-cloud microphysical measurements experimental seeding trials in several regions have shown that isolated cold cumulus cloud which do not produce rain naturally can be stimulated to produce rain by ice-phase cloud seeding. However, the rainfall amounts from these isolated clouds are very small. Reports of limited success have been obtained from attempts to prove that statistically significant rainfall amounts can be produced on a seasonal basis from these cumuli and larger systems.

      Attempts to significantly enhance rainfall from cumuliform clouds have concentrated their efforts on systems, which produce rainfall naturally A long-standing programme to augment rainfall from wintertime cumulus in the eastern Mediterranean is one of the most widely accepted examples of precipitation enhancement (13 to I 5% increases) associated with a seeding experiment. Research and operations continue, with recent results indicating the presence of dust affecting the results in one region in a detrimental fashion.

      Randomized experiments in seeding of warm-based congestus associated with raining thunderstorms have demonstrated the possibility of enhancing rainfall from such clouds by intensive seeding. Extending this result to increasing the rain over an area met with difficulties. Other randomized experiments have reported enhancement of rainfall from warm-based multicell thunderstorms; those results are still unclear and under international review. New randomized experiments in rain enhancement are being prepared in several areas.

      Elimina
  3. Cumulus humilis

    Cumulus humilisIl cumulus humilis è un tipo di nube. È detto anche cumulo di bel tempo, perché porta giornate soleggiate e non è sintomo di significativi cambiamenti meteorologici.

    Si forma soprattutto durante le calde giornate estive, con la condensazione dell'aria calda, a quote relativamente basse, fra i 500 ed i 1000 metri raggiungendo raramente i 2000 metri. Tipicamente si forma al mattino per scomparire nelle ore serali. È indice di un modesto raffreddamento nella bassa atmosfera, tipico del bel tempo. Lo sviluppo verticale è piccolo perché al di sopra di esso la temperatura dell'atmosfera cala lentamente al salire di quota. Il cumulus humilis può essere accompagnato anche da altri tipi di nubi ma quando appare in una giornata con cielo chiaro ci si può aspettare bel tempo nelle ore successive. In condizioni di temperatura, umidità e stabilità dell'aria particolari si trasforma dapprima in cumulus congestus e poi in cumulonembo. Talvolta assumono caratteristiche forme "a fungo" che segnalano elevatissima instabilità atmosferica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco spiegato il motivo per cui li dissolvono a quota cumulo.

      Elimina
  4. La democrazia in the USA:

    http://terrarealtime.blogspot.it/2012/07/usa-scie-chimiche-spruzzate-nei-cieli.html

    RispondiElimina
  5. un bel video sulle scie chimiche nei mass-media, per abbituare gli stolti, e far passare chi crede alle scie chimiche per pazzo (e mentre manipolano il cielo... manipolano anche le menti)

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=nNC0oNzl8Gw

    RispondiElimina
  6. http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=9312Bj-jk_0#!

    Il meteorologo, ha dichiarato che è solo polline dopo una tempesta, il proprietario dell'auto ha dichiarato che dopo cinque lavaggi dell'auto, questa porcheria è ancora visibile sul parabrezza.

    Si! Bel tempo a Milano, ma come mai sulla mia auto parcheggiata fuori in strada ogni mattina trovo sulla carrozzeria e sul parabrezza/lunotto la stessa porcheria del video?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inutile dire che quella porcheria è ovunque ed è veleno.

      Elimina
    2. wlady, che dire, buttandola sul ridere potremmo dire che forse abbiamo scoperto che dietro alle scie chimiche non c'è il NWO, ma la lobbie dei lavaauto... ogni notte vanno in giro loro a spargere porcheria che si attacca alle auto per far si che noi tutti si spenda il triplo ogni mese per lavarle...

      ... purtroppo il cielo è sereno... si... qui nel milanese... ma anche oggi a guardarlo attentamente, non è quel bel cielo azzurro... è semplicemente un cielo azzurrino sbiadito (perlato per usare un termine di straker), strapieno di quelle particelle biancastre che poi ritrovi sul automobile ed in ogni dove.

      Elimina
  7. Cielo bianchiccio a Milano oggi
    http://www.imagebam.com/image/0625fa202101229

    Cielo modificato con aerosols chimici a Livigno oggi
    http://www.imagebam.com/image/6da1ce202101237

    Questo mattina ci sono andati giù pesanti su quasi tutti i centri abitati con coperture chimiche che si scioglievano nel corso della mattinata e che stiamo respirando adesso.

    Sarà un caso ma sento bruciore ai bronchi e ho gli occhi arrossati.
    Sempre un caso.

    RispondiElimina
  8. Ron, il bruciore agli occhi dipenderà dall'acido acetico ^-^

    Qualcuno sostiene che in Lombardia il cielo è terso e cosparso di cumuli. Forse piove pure. Sarà...

    RispondiElimina
  9. L’ECT GROUP, ente dedicato alla “conservazione ed all’avanzamento sostenibile di diversità culturali ee ecologiche”, fondata (tra gli altri) da Eleanor Roosevelt, pubblica una mappa mondiale della geoingegneria (la manipolazione su larga scala della terra e dei sistemi climatici). Sebbene incompleta, questa mappa è il primo tentativo di documentare il campo in espansione tra ricerca e sperimentazione. Quasi 300 progetti o esperimenti di geoingegneria sono rappresentati sulla mappa appartenenti a 10 diversi tipi di tecnologie “clima-alteranti” . Qui il link all’articolo originale: The World of Geoengineering: ETC Group Maps Earth System Experimentation

    Si noti come il simbolo usato per l'Italia indichi la "riduzione delle piogge"!

    RispondiElimina
  10. Methylcyclopentadienyl manganese tricarbonyl is used as an additive in unleaded gasoline to boost octane rating and reduce engine knocking. The manganese in this unusual organometallic compound is in the +1 oxidation state.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manganese in drinking waterWaterborne manganese has a greater bioavailability than dietary manganese. According to results from a 2010 study,[50] higher levels of exposure to manganese in drinking water are associated with increased intellectual impairment and reduced intelligence quotients in school-age children. It is hypothesized that long-term exposure to the naturally occurring manganese in shower water puts up to 8.7 million Americans at risk

      Elimina
    2. Neurodegenerative diseasesChronic low-dose manganese intoxication is strongly implicated in a number of neurodegenerative disorders, including Alzheimer's disease, Parkinson's disease, and amyotrophic lateral sclerosis. It may also play a role in the development of multiple sclerosis, restless leg syndrome, and Huntington's disease. A protein called DMT1 is the major transporter involved in manganese absorption from the intestine, and may be the major transporter of manganese across the blood–brain barrier. DMT1 also transports inhaled manganese across the nasal epithelium. The putative mechanism of action is that manganese overexposure and/or dysregulation leads to oxidative stress, mitochondrial dysfunction, glutamate-mediated excitoxicity, and aggregates of protein.

      Elimina
    3. Scrive la Perlingieri nell'articolo "Un'altra illusione delle chemtrails", 2011: “Secondo il biologo, dottor Michael Castle, questo 'nuovo colore blu' è dovuto ai composti chimici di manganese di-bromo e di-fluoro-benzidina (sali). I composti sono stati aggiunti alle scie chimiche di modo che la luce non viene riflessa, ma rifratta. [...] Così il cielo sembra blu, ma in realtà ha solo il colore rifratto di qualsiasi gradazione cromatica (chiara o scura) che si trova al di sopra.

      Il dottor Castle ha spiegato: 'Il colore si basa sul blu oltremare/violetto che è stato micronizzato nel particolato irrorato e distribuito in atmosfera. Questo aerosol contiene ingenti quantità di manganese ed un livello enorme di composti tossici a base di di-bromo-fluoro-benzene. Ciò consente all’aerosol di restare in atmosfera per periodi di tempo più lunghi rispetto all’alluminio e ad al bario che sono più pesanti. Anche questo è stato provato da analisi. Infine le scie contengono livelli molto alti di arsenico e gallio, come è stato dimostrato da 'Arizona Skywatch' e da altri. […]

      Questo significa che le funzioni cerebrali continuano ad essere compromesse ad ogni respiro, quando inaliamo questi veleni. Non possiamo sottovalutare che i danni al cervello aumentano in modo vertiginoso e che le capacità cognitive sono sempre più deteriorate.”

      Se per avventura notiamo una volta celeste tersa, ma sgombra del tutto di soffici nuvole naturali (non le nubi “sintetiche” dalle forme grottesche ed improbabili), è plausibile che siano stati diffusi composti il cui ingrediente principale è il manganese.

      Elimina
  11. Torino Caselle 17:40
    Cielo a pecorelle, ho beccato a vista due aerei che rilasciano scie persistenti quando sorvolano le nuvole, tecnica on-off.
    Stava per piovere forse da noi oggi....e voilà:
    Geoingegneria in azione, NON DEVE PIOVERE!

    RispondiElimina
  12. in serata, prima del tramonto, nel milanese c'erano delle nuvole... più nuvole che cielo sgombro... ma non erano molto spesse, non sembravano poter dare adito a fenomeni temporaleschi... ma nonostante questo gli sbianchettatori dei cieli sono arrivati numerosi con le loro scie chimiche persistenti... e dopo 1 ora già di quelle nuvole era rimasto ben poco...

    RispondiElimina
  13. Giacché i cumuli, evolvendo e sviluppandosi, possono portare a precipitazioni, li distruggono preventivamente.

    RispondiElimina
  14. Confermo, vedi le foto sopra da me postate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedo scusa, le ho postate nell'altro blog, eccole:

      Milano ore 20:30, Aperitivi/Happy Hour - Milano Tonight

      http://i.imgbox.com/adwH557t.jpg
      http://i.imgbox.com/aceeTyGU.jpg
      http://i.imgbox.com/adyiPxc1.jpg
      http://i.imgbox.com/abnGPhVT.jpg
      http://i.imgbox.com/acmD9xIc.jpg

      Elimina
    2. Anche su Sanremo hanno iniziato così, sino a coprire completamente.

      Elimina
  15. Torino - Caselle
    in mattinata era nuvoloso a 360 !
    adesso alle 13:00 guardo fuori e vedo le nuvole puntualmente fatte a pezzi, sciolte e intanto becco pure
    RYR9K65 che mi lascia una bella sciata

    doveva piovere oggi ?
    Geoingegneria e piloti INFAMI in azione anche oggi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stavolta risultava nella lista arrivi:
      http://data.flight24.com/airports/ein

      prendo nota di questi scali, chissà...

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

I commenti sono sotto moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis