sabato 16 dicembre 2017

Scie chimiche: analizzato il liquido prelevato da un velivolo civile A-320


E' stata analizzata (con il metodo dei reagenti Osumex) la sostanza chimica che ancora sgocciolava dalla fusoliera di un velivolo commerciale A-320 appena rientrato da una missione di geoingegneria clandestina con a bordo ignari passeggeri. Rilevati zinco, piombo, rame, cadmio, cobalto, mercurio. Il composto, che ha formato un deposito sul fondo della provetta, si presenta alla vista di colore giallognolo e risulta essere di media densità. Rilascia inoltre un inconfondibile odore di uova marce. Zolfo? Al fine di rilevare la precisa composizione chimica del liquido, si auspica un più approfondito esame tramite spettrometria degli elementi identificati. Esame che verrà condotto presso laboratorio francese.



Il prelievo è stato effettuato raccogliendo quanto ricadeva da uno dei tre fori raffigurati in immagine. Si tratta di aperture di forma esagonale, che, per la particolare conformazione, facilitano la fuoriuscita del liquido anche senza che questo sia espulso in pressione. I tre fori sono situati appena dietro la stiva centrale dell'A-320, nella zona inferiore della fusoliera. Il dispositivo è implementato su diversi aeromobili. In special modo A-320 ed A-319.



Come prevedibile, il Dottor Stefano Montanari, al quale è stato chiesto se era disponibile ad analizzare il liquido, si è prontamente defilato, rifiutando ogni coinvolgimento ed accampando giustificazioni davvero poco credibili.

Qui il link per finanziare le analisi spettrometriche tramite laboratorio referato. Sono necessari circa duemila (2000) euro.



Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

La guerra climatica in pillole

NOTA: Le condizioni meteo e le attività di aerosol clandestine sono previste in base alle informazioni indirettamente fornite dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Dati a loro volta incrociati con le previsioni fornite dai portali meteo che sono debitamente informati delle operazioni di geoingegneria clandestina sul territorio italiano ad opera dei militari.

7 commenti:

  1. Stefano MONTANARI e consorte negano di aver ricevuto richiesta per analizzare i campioni, ma non tengono conto che noi salviamo tutto!

    https://www.facebook.com/groups/118715708168999/permalink/1878141062226446/

    Qui lo screenshot della conversazione con Montanari: https://plus.google.com/photos/photo/115691428689322907993/6500886507495057666?authkey=CLGDqPLp6Yb0-QE

    RispondiElimina
  2. Vorrei proprio sapere come avete fatto a prendere quei campioni. Mi sembra improbabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce li ha passati un dipendente aeroportuale. Vuoi sapere pure chi?

      Elimina
  3. Un amico, con brevetto di volo, mi ha detto che quegli ugelli servono per la misurazione della pressione statica, quindi non servono per irrorare i cieli. È una foto presa a Malpensa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un amico? hai visto quello che esce? Non è acqua santa!

      Elimina

I commenti sono sotto moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis