martedì 7 agosto 2012

Profumo di bruciato

Un ministro italiota ha avuto una levata d'iingegno: colui intende risolvere il problema della penuria idrica con i satelliti. E' il ministro della Pubblica "istruzione", Francesco Profumo, il quale, a margine della presentazione di un accordo con la Regione Toscana (una delle regioni più attanagliate dalla siccità), ha affermato: “L’Italia ha bisogno di investire in satelliti di nuova generazione, come quelli ottici, e credo che nel loro complesso questo ci potrà aiutare anche sul tema della siccità“. Egli ha poi aggiunto: “Per studiare e combattere i fenomeni della siccità abbiamo un elemento di partenza molto importante che è l’utilizzo (sic) di tecnologie radar e satellitari. L’Italia ha bisogno di investire in satelliti di nuova generazione“.

Il ministro Profumo dimentica che l'attuale problema idrico è dovuto proprio ai satelliti di ultima generazione: questi apparati lavorano nel range delle microonde e non gradiscono né le formazioni nuvolose né l'umidità. Per questo motivo squadre di aerei opportunamente attrezzati e gestiti... da satellite, disperdono in bassa media ed alta atmosfera, tonnellate di mortali metalli igroscopici e polimeri, inibendo le precipitazioni.

"The fundamentals of aircraft combat survibability: analysis and design" di Robert A. Ball, è un voluminoso testo sulle strategie militari da cui si possono ricavare molte prove di correlazioni a suo tempo individuate. Molti ricercatori e scienziati indipendenti hanno studiato il legame tra la diminuzione di umidità e le attività chimiche. Tra i primi, fu Paolo C. Fienga, astrofisico, a rilevare che gli aerosol determinavano una brusca e netta flessione dei valori igrometrici. L’esperto putroppo, subito calunniato e vilipeso dai disinformatori, lasciò cadere la cosa. Tuttavia gli studi sono continuati ed anche semplici osservatori possono constatare che, non appena nel cielo si formano dei nembi, soprattutto cumuli, intere squadriglie di aerei decollano per dissolverli. Qual è il principale motivo di questo accanimento contro le nuvole? Le idrometeore (pioggia, neve e nebbia) sono un ostacolo per i segnali elettromagnetici nell'atmosfera.

Il paragrafo che riportiamo di seguito, tratto dal libro in oggetto, precisa che i segnali radar sono attenuati dall’ossigeno e dal vapore acqueo in atmosfera. Così una fonte tecnica conferma quanto alcuni ricercatori avevano intuito ed acquisito, per mezzo di meticolose osservazioni ed analisi. Nel paragrafo si legge:

"Obiettivo - Determinare l’attenuazione del segnale radar, come si propaga attraverso l’atmosfera - Segnali radar sono attenuati dall'ossigeno e dal vapore acqueo nell’atmosfera terrestre. L’attenuazione diventa significativa a frequenze superiori a 10 GHz. L’affievolimento su una distanza R può essere espresso nella forma exp (-Rα), dove α è il tasso di attenuazione per unità di distanza. [...]

Precipitazioni in atmosfera sotto forma di pioggia, neve e nebbia possono ridurre significativamente i segnali radar così come contribuiscono al rumore di fondo. In generale, maggiore è la frequenza del radar, maggiore è l’attenuazione. Il tasso di attenuazione sia in caso di una lieve pioggia sia di nebbia fitta è di circa 0,1 dB / km per un segnale a 10 GHz radar. Di conseguenza il segnale sarà ridotto di 10 dB dopo aver percorso 100 km in una pioggia moderata o in una caligine densa
".

Ma vediamo quali sono le tipologie di telerilevamento.

Una prima fondamentale classificazione del telerivamento può distinguere tra t. passivo e t. attivo.

Telerilevamento passivo: il sensore è deputato al solo ricevimento della radiazione elettromagnetica emessa o riflessa dall'oggetto che si sta analizzando.

Telerilevamento attivo: il sensore è sia emettitore di radiazione elettromagnetica sia misuratore delle radiazioni, quando le stesse hanno interagito con la superficie e ne sono state riflesse.

I sistemi per il telerilevamento passivo sono di due categorie:

a) strumenti che raccolgono la radiazione elettromagnetica emessa dal sole e riflessa dalla superficie terrestre ed operano nel visibile e nell'infrarosso medio;

b) strumenti che raccolgono le radiazioni emesse direttamente dalla superficie terrestre ed operano principalmente nell'infrarosso termico.

I sistemi per il telerilevamento attivo si dividono in sistemi a scattering, che operano nel visibile e nell'infrarosso, ed in sistemi radar che operano nel range delle microonde.

Svantaggi della ripresa satellitare

Copertura nuvolosa - La presenza di nubi sull'area della ripresa rende impossibile l'acquisizione dei dati da satellite. In particolare per satelliti dotati di sensori pancromatici e multispettrali (satelliti ottici), che operano nel visibile, le nuvole rendono impossibile le riprese.

Quindi il titolare del dicastero della pubblica "istruzione" ha sparato una delle sue castronerie cui siamo ormai abituati oppure c'è dell'altro? La siccità come pretesto per commesse di cui beneficeranno industrie belliche ed agenzie spaziali?

Intanto le previsioni meteo non contemplano grandi variazioni, rispetto ai giorni passati. Un'area di alta pressione con centro sulla Francia (e non sull'Africa settentrionale...) permette attività di aerosol notturne (come mostrato nella foto di copertina, gentilmente fornitaci dall'amico Alex Bisi), mentre, durante il giorno, potremo osservare, come confermato dai centri meteo di regime, il "transito di lievi velature". Questo voler addolcire la pillola con l'aggettivo "lievi" non implica comunque nulla di buono, giacché la presenza di queste coperture artificiali innalzerà ulteriormente le temperature (effetto serra indotto) ed impedirà le precipitazioni su gran parte dello Stivale. Non si possono comunque escludere fenomeni violenti (in special modo al Nord) nelle zone attigue a quelle in cui sono compiute le operazioni di aerosol, attività svolte con l'obiettivo di distruggere la nuvolosità naturale che, lo ribadiamo, soprattutto con elevati valori termici, dovrebbe essere caratteristica comune dei nostri cieli. A conferma di ciò, si legga nei dispacci meteo ufficiali la dicitura "residue nubi al mattino e foschie diffuse". E' un'espressione che, di per sé, significa poco, ma assume valore nel momento in cui si è consapevoli che il grosso delle operazioni clandestine di geoingegneria si svolge con il favore delle tenebre.

Quindi, ministro Profumo... noi sentiamo puzza di bruciato.


Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

NOTA: Le condizioni meteo e le attività di aerosol clandestine sono previste in base alle informazioni indirettamente fornite dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Dati a loro volta incrociati con le previsioni fornite dai portali meteo che sono debitamente informati delle operazioni di geoingegneria clandestina sul territorio italiano ad opera dei militari.

38 commenti:

  1. Ieri hanno lasciato che entrasse un po' di fronte umido per fare questo capolavoro di caldo strappapelle di oggi? I pilotini debbono essere veramente lobotomizzati, non penso che facciano questo ai loro figli per due lire e qualche promessa.
    In ogni caso. Stamane era una bella giornata. Mi era venuto da pensare che i pilotini si fossero riposati in nottata. Un bel cielo blu profondo, cumoli da bel tempo, bianchi, innocui, ma ben disposti in tutto il cielo. Alle 9.00 iniziano i rombi... sono giorni che non usano persistenti, il lavoro è più lungo ma sono quasi invisibili ed efficacissimi. Alle 10.00 il cielo era già bianchiccio e le nubi da bel tempo relegate ai quattro orizzonti, nel mezzo il vuoto. Adesso è completamente "pulito". E con il caldo di oggi la gente scema dovrebbe domandarsi come fanno a non formarsi nuvole con l'evaporazione che dovrebbe esserci stata. Invece l'associazione è caldo torrido = solleone senza nubi. "Il sonno della ragione genera mostri" (cit.).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Il sonno della ragione genera mostri"

      SOTTOSCRIVO!

      Elimina
    2. E' anche il sonno dell'osservazione.

      Elimina
  2. E cosa ci raccontano i SAT ORA???

    Guardate qui!

    USA come ITALIA.. e nevica in Sudafrica ed altrove si annega..

    La foto satellitare attuale (sulla pagina) dovrebbe essere estremamente allarmante per chiunque esamina da vicino. L'intera porzione dell'Oceano Pacifico visibile in questa immagine è praticamente coperta con foschia creata ( scie !) . Con un attento esame possono essere riconosciute singole scie ( belle curve fanno) . Per tutti quelli che si prendono il tempo per cercare titoli di "geoingegneria riduce precipitazioni" o voci simili, si accorgono che non c' è nulla .
    Un ambiente saturo di particelle diminuisce e disperde pioggia.


    http://www.geoengineeringwatch.org/massive-north-pacific-spraying-horrific-us-drought-image-attached/

    Qui sat
    http://www.geoengineeringwatch.org/wp-content/uploads/2012/08/satellite-aug-6-2012.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Attento esame", sono palesissime! Grazie di aver postato quest'ennesima prova della loro criminalità.

      Elimina
    2. Qualche disinformatore prezzolato le definirebbe "bruma marittima"...

      SENZA PAROLE.

      Elimina
  3. Sono settimane e settimane che le satellitari mostrano il sud dell'Europa tenuto ossessivamente sgombro da nubi. Le perturbazioni atlantiche non riescono più ad irrompere sul continente o, al massimo, piove sul limitare oceanico dell'Europa.

    La ragione, almeno al momento, non può essere militare:lo fanno da anni e la guerra non c'è. L'obiettivo è quello di rompere le scatole provocando e mantenendo una siccità che si rivela di giorno in giorno più disastrosa. E quelle canaglie possono andare avanti a piacimento visto che possiedono tutti canali TV nonchè tutto il resto. Chi li combatterà ormai?

    RispondiElimina
  4. Ho voluto dare uno sguardo ad una vecchia satellitare. Una a caso. Questa è del 7 agosto 2005 e, come si può ben ben vedere, le tecniche impiegate erano ben diverse da quelle attuali, con attività di aerosol diurne e scie persistenti, anche se i risultati erano i medesimi di ora. Solo che adesso sono molto più insidiosi e demoniaci, visto che hanno imparato a dissimulare la dispersione di veleni igroscopici ed elettroconduttivi. In più, come giustamente osservi, hanno in mano i mezzi di dis-informazione di massa. E' davvero un vicolo cieco.

    RispondiElimina
  5. 7 luglio 2005. In questo caso nubi da bel tempo su tutta Italia, tranne che sulla Liguria ed il Piemonte, laddove le attività dia erosol clandestine sono pesanti ed hanno distrutto tutta la nuvolosità naturale.

    RispondiElimina
  6. Pare che nessuno voglia o sia in grado di fermare gli avvelenatori.

    RispondiElimina
  7. ecco qua,fatevi due risate....

    http://affaritaliani.libero.it/cronache/giuliacci-piove080812.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le solite cazzate del pupazzo giuliacci e a leggere i commenti poi......... Rosario si è beccato le solite offese per il suo intervento, ma ha senso perdere tempo in certi siti?

      Elimina
    2. No, se non si è profutamente pagati.

      Elimina
  8. La domanda che mi pongo è cosa ci riserverà l'Inverno, dato che l'andazzo Estivo è oramai conclamato: portare l'Estate fino alle prime settimane di Ottobre come lo scorso anno, senza piogge e senza pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendere le piogge è come aspettare Godot. Almeno i bei temporali d'agosto nel Ponente ligure appartengono solo al passato.

      Elimina
    2. E' da stamane che non c'è una nuvola in cielo, dopo il caldo di ieri e circondato da montagne e un fiume, è credibile, no?

      Elimina
  9. Torino - Caselle, Cielo azzurro tranne verso il tramonto pieno di scie chimiche a ON-OFF verso
    Ovest da Torino, ci sono ancora i due voli su flight.
    ....che schifo, piloti infami

    RispondiElimina
  10. Torino - Caselle.
    senza sosta, rilasciano scie chimiche
    all'altezza del tramonto, non prima, gli schifosi,
    comunque stanno decollando tutti da qui:
    Palma de Mallorca
    http://data.flight24.com/airports/pmi

    RispondiElimina
  11. Tutto sta a vedere fino a che punto intendono tirare la corda. Dopo il secchissimo inverno 2011-2012, all'arrivo della primavera, hanno consentito alle perturbazioni atlantiche di irrompere sull'Europa.

    Diciamo che s'è trattato di una di una concessione inaspettata in quanto tutti eravamo pronti al peggio. Dunque ci hanno fatto uno sconto lasciando cadere fino agli inizi della terza decade di aprile molta pioggia inquinata ed avvelenata, ma pur sempre di pioggia si trattava.
    Fulgido esempio di carità pelosa, l'unico tipo di carità che quei criminali sputati dall'Inferno sono in grado di elargire. Le precipitazioni così verificatesi hanno permesso ai cereali quali frumento, orzo nonchè all'erba da foraggio di crescere e di fare una buona produzione. L'abbondanza di acqua ha altresì dato ai coltivatori la possibilità di allestire le risaie. In sostanza le precipitazioni primaverili hanno scongiurato almeno per questi mesi una penuria di cibo per uomini ed animali.

    Ora stanno abbondantemente affondando il coltello nella piega per il tramite di una siccità inaudita. Anche negli USA hanno tutt'altro che scherzato e, a causa della più drammatica siccità mai vista in quel sub-continente, già 600.000 capi di bestiame bovino sono morti.

    Ora bisogna vedere se i militari hanno l'intenzione di arrivare, per mezzo per mezzo della prassi in atto, alle conseguenze estreme di un operato pluridecennale. Credo di dover dare al riguardo una risposta affermativa: è nella logica delle cose che la situazione peggiori fino ad un punto di non ritorno. Altrimenti che senso avrebbe l'aver investito per quasi mezzo secolo risorse colossali senza mirare al risultato finale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si fermeranno e questo grazie al silenzio di tipi come Giuliacci & Co.

      Elimina
    2. Però per quanto tutto ciò sia palese, io continuo a domandarmi che razza di mondo abbiano promesso a Giuliacci, pilotini e mazzi varii... perché poi dovranno viverci e dovranno viverci anche le loro famiglie. E' proprio una domanda a cui non so dare risposta.
      Dal canto mio, se parliamo di previsioni, faccio male a pensare ad un inverno secco e glaciale? Poca acqua e gelo bruciano più degli incendi.

      Elimina
    3. In primo luogo bisogna constatare che il quoziente intellettivo di questi soggetti è ridotto alla respirazione. Per questo motivo essi non concepiscono la gravità della situazione, per cui si limitano ad eseguire quanto gli viene... consigliato. In secondo luogo codesti personaggi amano infinitamente la loro posizione di prestigio ed intendono mantenerla, anche se questo li obbliga a mentire pure a se stessi. Di questa genia è purtroppo pieno il mondo e, soprattutto l'Italia. Vigliacchi senza palle.

      Elimina
    4. Per questo autunno prevedo una sequela di nubifragi, che nulla apporteranno alle riserve idriche, ma che produrranno altri milioni di euro di danni e decine di vittime. Il loro obiettivo è demonizzare la pioggia. Terrorizzare e legare psicologicamente le precipitazioni piovose a danno e dolore.

      Poi, se leggiamo il "Piano dettagliato sui cambiamenti climatici", firmato nel 2002, possiamo verificare che stanno eseguendo per filo e per segno tutti quei progetti di geoingegneria concordati con gli Stati Uniti e sottoporranno ancora il nostro paese ad ulteriori stress climatici, sino ad arrivare ad un accordo finale per legittimare la geoingegneria. In pratica essi cagionano il danno per mezzo delle scie chimiche ed H.A.A.R.P., poi affibbiano la responsabilità ai "cambiamenti climatici" per inquinamento antropico e propongono la soluzione: le scie chimiche. Così potranno procedere indisturbati e con tanto di finanziamento pubblico, ad altri progetti ancora più nefasti, legati alle irrorazioni.

      Elimina
  12. E' difficile dire quali tipi di promesse abbiano fatto a Giuliacci e a tutti gli altri - e sono davvero molti -. Secondo me i vari collaboratori del Sistema ripongono una fiducia a tutta prova in coloro che hanno concepito l'infame agenda. Un sentimento abbastanza simile a chi ripone la propria fiducia nel buon operato della Provvidenza verso le proprie creature. Probabilmente, pur sapendo dell'obiettivo primario delle scie tossiche che consiste innanzitutto nella 'depopulation' o decimazione delle masse, i collaboratori del NWO si illudono che verrà loro riservato un trattamento speciale.

    Non so, ma per arrivare a tanto si tratta sicuramente di sacrificare buona parte del proprio intelletto - il ben noto 'sacrificium intellectus' di tertulliana memoria o anche il famoso 'credo quia absurdum' sempre di Tertulliano -. Insomma senz'altro una fede mal riposta ed una posizione ontologica e quasi metafisica che va oltre la semplice busta mensile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, Paolo. In effetti costoro hanno venduto l'anima al diavolo. Sempre se l'hanno... l'anima.

      Elimina
  13. Porteranno Giuliacci e gli altri negazionisti nelle basi sotterranee come schiavi? Credo sia probabile.

    RispondiElimina
  14. buongiorno dal nordest.
    intanto mi unisco agli improperi diretti ai criminali che avete enunciato sopra.segnalo poi che dalle immagini satellite sulle zone del veneto orientale e del friuli nonchè delle dolomiti bellunesi si evince la presenza di cumuli. sono quelli che vedo io. ciò che non si vede è la presenza di materiale igroscopico che le dissolverà. è da ieri pomeriggio che corrono come disperati e senza preoccuparsi di nascondersi.
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'atmosfera i sali igroscopici ci sono sempre anche se non si vedono. I tankers di passaggio non fanno altro che incrementarne la concentrazione.

      Elimina
  15. Torino
    Da stamattina presto li vedevo, poche persistenti, col passare delle ore sono aumentati.
    Adesso il cielo è completamente velato a 360 gradi, bianco.
    ...e non contenti, continuano anche ora senza sosta,
    le persistenti si fanno più lunghe,
    perchè il "velo" che si è generato, le copre in parte.

    Il "VELO" si è formato DOPO le TIMIDE
    scie chimiche on-off persistenti.
    Il pomeriggio di lunedì 06 agosto, senza scie chimiche
    ,che per fortuna ho fotografato,
    dimostra la netta differenza dei due cieli.

    Comunque oggi pomeriggio è uno schifo totale, questo bianco di oggi qualcuno me lo paga, sicuro!

    Geoingegneria bel lavoro.
    > Piloti infami >, bella squadra...

    RispondiElimina
  16. confermo che oggi su torino è uno schifo... sti maledetti continuano a passare, non c'è nemmeno una nuvola, solo scie persistenti.... mi sembra sempre più incredibile che la maggior parte della gente lo consideri normale

    RispondiElimina
  17. anche nella provincia di Bergamo il cielo è pieno solo di "innocue velature" come direbbe Giuliaccio da strapaccio...le vere nuvole sono all'orizzonte sulle montagne...
    per combinare un simile disastro ci vorra' un motivo valido, no? c'è per caso in arrivo una grossa perturbazione?

    RispondiElimina
  18. Poiché alcune nubi imbrifere tentano di sconfinare le Alpi, i tanker rimettono tutto in ordine.

    RispondiElimina
  19. Aereo bassa quota, scia con 4 getti non persistenti,
    bianco con la coda rossa,
    a vista ho riconosciuto i colori!!!
    Che dice il flight? guardiamo subito:
    http://imageshack.us/photo/my-images/62/12100metriyessssss.jpg/

    Occhi bionici anche oggi....

    RispondiElimina
  20. cliccando poi sulla foto dell'aereo ho notato l'ironia dello sfondo
    ...senza parole...siamo invasi.
    http://www.planespotters.net/Aviation_Photos/photo.show?id=288909

    per non parlare di questi sfondi...
    http://www.chambery-airport.com/rubrique.php3?id_rubrique=78

    Ma la piccola foto con l'aereo che scia,
    copiata in diverse foto del sito cosa significa ?
    Che effettuano servizi antincendio?
    Oppure è un promemoria subliminale ? =P

    Qui dove svolazzano,:
    http://imageshack.us/photo/my-images/193/2decollosimultaneo.jpg/
    ma da un aereoporto più in basso, non quello segnalato da flight,
    ma più in basso, non segnalato, affianco alla città di Chambéry,
    penso sia un campo volo a parte, lo si vede ingrandendo,
    forse si addestrano con dei bimotore...bho.
    Ogni tanto alcuni si allontanavano per poi svanire dal flight.

    RispondiElimina
  21. haha beccatevi questo, avevano troppa fretta
    per scrivere un nome decente ???
    ...mammmma miaaa
    http://imageshack.us/photo/my-images/607/1234avevamofretta.jpg/

    oppure cercate subito 1234 su flight

    RispondiElimina

I commenti sono sotto moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis