domenica 2 settembre 2012

Passata la festa, gabbato lo santo

Proprio come avevamo previsto, i giorni appena trascorsi sono stati caratterizzati da una brusca diminuzione delle temperature e dal breve passaggio di un'importante fronte imbrifero, il quale ha prma interessato le regioni settentrionali d'Italia e poi si è affacciato sul Centro-Sud. Purtroppo, però, come già anticipato nello scorso bollettino meteo, le precipitazioni sono state di portata ben inferiore rispetto a quanto auspicabile e logicamente prevedibile in assenza di modificazioni climatiche. Ciò per via del massiccio intervento degli aerei impegnati nella dispersione, a quote medio-basse, di composti igroscopici. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: scie chimiche persistenti, mortali velature che via via si sono sostituite alle nubi imbrifere, rombi di aerei tra le nuvole, brevi scrosci di pioggia ed infine forzose schiarite, inframezzate da lunghe e spesse "chemtrails" nonché cielo bianco al di sopra delle formazioni temporalesche in dissolvimento.

Attualmente vige, sul Mar Tirreno, un'area di bassa pressione, che rappresenta un residuo incudine della corrente a getto polare, risospinta artificialmente, per mezzo dei "riscaldatori ionosferici", verso il Nord Europa. Il tempo rimarrà quindi instabile almeno sino al 5 di settembre, allorquando il flusso di aria fredda scandinava verrà riassorbito completamente.

Presumibilmente quindi le temperature massime e minime torneranno a valori elevati, mentre le attività di aerosol clandestine ripeteranno il modus operandi dissimulato, caratteristico di questa estate, con l'impiego di voli che disperderanno prodotti elettroconduttivi ed igroscopici a bassa e bassissima persistenza. In questo contesto il cielo tornerà ad apparire innaturalmente sgombro di nubi da bel tempo, l'umidità relativa scenderà di nuovo a valori medio-bassi e le nebbie chimiche di ricaduta oscureranno di nuovo l'orizzonte. Coloro che, in queste ultime settimane, si sono illusi di poter contrastare la ricaduta di metalli neurotossici con le bottiglie d'aceto (sic!), penseranno che il loro metodo è un successo, ma intendiamo ribadire che il cosiddetto "Meta-Flak" non può assolutamente funzionare, vista la disparità di forze in gioco. D'altronde, a prescindere dal metodo, possiamo ben immaginare come non sia assolutamente possibile che qualche millilitro di aceto vaporizzato possa interagire su decine di km quadrati di cielo. Inoltre non sono le nuvole naturali quelle che si debbono dissipare (peraltro in questo riescono già benissimo gli aerei chimici), ma le coperture indotte! I video sinora pubblicati a sostegno della presunta efficacia del Meta-flak dimostrano che a sparire sono i nembi naturali: affermare che l'acido acetico agisce sul livello sottile è capzioso. Oltretutto i metalli dispersi in atmosfera sono decine e sarebbe opportuno pensare a porre rimedio all'assorbimento di veleni che sono "bombe ad orologeria", per mezzo di opportune terapie disintossicanti e con l'uso di ionizzatori in appartamento. Chiedete al vostro medico.

Piuttosto, perché non agire concretamente con una denuncia contro le massime autorità dello Stato ed i loro fiancheggiatori?

In relazione alle recentissime attività di geoingegneria clandestina, volte alla disseminazione di elementi igroscopici utili a contrastare la perturbazione, quasi subito ridotta ad una poltiglia (si veda la mappa qui sotto), osserviamo l'uso massiccio di polvere di quarzo, le cui tracce sono state abbondantemente ritrovate sulle superfici piane nonché sulle piante. Ricordiamo che il quarzo provoca, a lungo andare, la silicosi.

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

NOTA: Le condizioni meteo e le attività di aerosol clandestine sono previste in base alle informazioni indirettamente fornite dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Dati a loro volta incrociati con le previsioni fornite dai portali meteo che sono debitamente informati delle operazioni di geoingegneria clandestina sul territorio italiano ad opera dei militari.

24 commenti:

  1. ciao a tutti, ciao straker, sono tornato venerdi sera dal mio viaggio di nozze... ho potuto notare come effettivamente le scie chimiche sono un fenomeno presente almeno con la stessa frequenza, in Spagna, e ancora di più in Francia, nella zona di Parigi... in particolare giorno 29 sopra l'arco di trionfo e giorno 30 su disneyland paris, ho notato in orario diurno una concentrazione di aerei con scie chimiche, davvero impressionante... qualcosa che veramente mi faceva raggelare il cuore. E non a caso nei 4 giorni parigini, mentre al mattino c'era sempre brutto tempo, e si temeva pioggia, poi come per magia il cielo si apriva e usciva anche il sole... soltanto il 30-08 al pomeriggio uno scroscio di pioggia.

    Venerdi sera rientro a linate con pioggia scrosciante... del resto in volo da CDG di Paris a Linate, non ho potuto scorgere le Alpi, il cielo era ricoperto di nuvole, la cosa che mi ha stranito, soprattutto in discesa verso Linate, l'entrare in una sorta di nebbia... prima ancora di arrivare alle vere e proprie nubi semitemporalesche che poi hanno fatto piovere.

    Infine ieri qualche scroscio dapprima violento, poi subito più lieve, mentre oggi pare essere una giornata di pausa nelle piogge.

    Nel complesso cmq nonostante il fresco e le piogge, si vede chiaramente che le nuvole risultano depotenziate e le piogge non hanno una normale consistenza e potenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante testimonianza la tua. Questo significa che anche nelle altre Nazioni europee il fenomeno 'scie chimiche' è presente - come del resto tutti sapevamo - ed ancor meno osteggiato che da noi.
      Ovverosia i francesi sono ancora più fessi degli italiani poichè, a quanto è dato sapere, non sono stati nemmeno in grado di rendere operativi alcuni siti senza peli sulla lingua in grado di denunciare il fenomeno.

      Oggi Guido Guidi con la sua faccia di bronzo - ma scommetto che fra non molto lo promuoveranno al grado di Generale dell'Aeronautica, vista l'inossidabile dedizione alla causa della Geoingegneria e le continue 'umiliazioni' subite - ha presentato la sua versione del meteo.

      Naturalmente non si è lasciato andare a considerazioni negative sul fatto che un pò di pioggia è caduta. Ma - e lì sta il grave - nemmeno elogiative, dato che il bilancio idrico è massimante negativo e le falde si stanno prosciugando un pò ovunque.

      Non sono di certo 20 o 30 millimetri di pioggia che vanno a tamponare la drammatica situazione. Ieri sera nonchè in prima mattinata di oggi il cielo era stragonfio di nubi nere. Ma non una goccia d'acqua. Dunque il freno a mano rimane sempre tirato.

      Elimina
    2. Soprattutto in discesa verso Linate, l'entrare in una sorta di nebbia

      Le coperture chimiche neurotossiche. Le "innocue velature" dei centri meteo di regime.

      Elimina
    3. Le osservazioi di Paolo sono corrette: in effetti all'estero sono più rincoglioniti che in Italia e lì possono permettersi di usare sempre e comunque le persistenti.

      Elimina
    4. Si all'estero ma in particolare in Francia si sono viste delle cose davvero incredibili... e gli aerei che contemporaneamente disegnavano il cielo erano anche 4-5 nello scorso di cielo visibile da terra... quando in Italia di solito se ne vedo 2-3 contemporaneamente di rado, è già tanto.

      Alla fine della giornata a Disneyland Paris, il cielo ricordava da vicino le immagini di Straker di qualche tempo fa, che mostravano il cielo sopra ad uno stadio di calcio!

      Elimina
    5. Si vede che il programma di condizianamento mentale lavora bene. Meglio ancora all'estero.

      Elimina
  2. Oggi qui in Veneto si sono impegnati in modo impressionante, aerei e scie ovunque, adesso tutte amalgamate, nel giro di 1 ora sono passati decine di tanker. E intanto si possono ancora vedere le nuvole "vere" che si avvicinano alla barriera.

    RispondiElimina
  3. I Galli sono dei polli? Direi di sì, tranne qualche eccezione.

    RispondiElimina
  4. oggi in versilia giornata con nuvole..sterili ovviamente!! pochissime gocce d'acqua velenosa,rombo di aerei anche a bassa quota,i soliti figli di trota in azione. auguro loro tanti mali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre troppo tardi, quando gli piglia qualcosa...

      Elimina
  5. A me sembra tutto così palese. Il giorno prima dell'arrivo del fronte umido in cielo ad Empoli si sono visti contemporaneamente due droni a bassissima quota, lunghi e stretti. In questi giorni aerei che passavano tranquillamente a quote molto basse e rombi continui fra le nuvole. Dove si schiariva c'era un'innocua velatura. Le schiarite erano nette come dei tagli e guarda caso sempre parallele a dei residui di persistente. In più lo stesso giorno dei droni in molti hanno visto una palla di fuoco in cielo - http://www.gonews.it/articolo_150172_Una-palla-di-fuoco-avvistata-in-cielo.html

    RispondiElimina
  6. E intanto... http://freeondarevolution.blogspot.it/2012/09/microchip-neurale-italia-germania-e.html

    RispondiElimina
  7. IL cielo di Londra oggi. A mio parere la citta' piu' battuta d'Europa grazie all'ignoranza e l'apatia degli inglesi
    https://www.dropbox.com/sh/oi89at2ia9uae0f/QOTUX7j8nE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le autostrade della morte.

      Elimina
    2. O.O
      i video di settembre, oltre alle foto, sono spaventosi,
      scie chimiche variopinte e addirittura scure nell'ultimo.
      Anche qui chiederei ai cari debunker:
      "cosa sono quelle strisce??? Scie di condensa ???"

      Ma sono sicuro che anche questi video e foto
      FARANNO FINTA DI NON VEDERLI e non commenteranno niente.

      Elimina
  8. Esistono conferme ufficiali sulla volonta' e l'intenzione "pacifica" di variare l'assetto atmosferico e ionosferico a dibattibile beneficio dell'essere umano.

    Ho aggiunto dibattibile perche' uno studio d'impatto di tutte le pratiche di geoengineering non e' stato ancora effettuato (vedi la parte del film "what are they spraying on us" dove i fisici USA non escludono un impatto negativo futuro di tali pratiche).

    Esistono protocolli, societa' regolarmente registrate per operazioni di cloud seeding ad alta quota.
    Quello impressiona e' che in Italia si nega l'evidenza oggettiva di documenti governativi e chi nega e' piu' coglione di un coglione presuntuoso.

    Inoltre dispiace che tra questi c'e' anche un signore che ho sempre stimato fino al momento in cui si e' allineato a quei 4 trogloditi aspiranti 007 (ma che assomigliano piu ai personaggi dei fumetti di Bonvi). Il signore di cui parlo e' Piero Angela.

    Sara' per caso come con il nucleare di Einstein e Fermi? La ricerca sul nucleare venne presto utilizzata a scopi bellici. In quale fase della geoengineering ci troviamo ora?

    Dopo la bella spruzzata di ieri sera a Londra, sono riusciti a dissolvere i cumuli che erano in formazione in alta quota. Non dimentichiamoci che qui ci sono ancora le olimpiadi e se piove, come diceva il coglione di Bush, "people don't shop".

    RispondiElimina
  9. Torino
    Dalle mie parti, da qualche ora, hanno deciso di far smettere di piovere,è comparso un bello squarcio sino ripulire quasi del tutto il cielo, residui chimici si notano benissimo,
    un aeroplano a vista verso nord ha appena rilasciato una scia persistente on-off che si sta espandendo finendo dietro alle poche nuvole cariche d'acqua che rimanevano.
    Era da sabato pomeriggio che non ne vedevo, lo schifo ricomincia anche qui.

    Geo ingnegeria e piRloti infami hanno ricominciato a
    VIETARE la pioggia su Torino,
    dopo 2 giorni di smette-piove-smette.
    ...continuate pure sempre a farvi i comodi vostri...
    ...non fate complimenti..

    RispondiElimina
  10. poco fa una bomba d'acqua nel milanese... ma è durato molto poco...

    RispondiElimina
  11. Torino
    Ole...
    Nel cielo azzurro iniziano a comparire velature grazie agli aeroplani a VISTA che rilasciano scie non persistenti e persistenti.
    Adesso a nord si nota ancora un scia persistente in stile on off, il cielo inizia a sfregiarsi di tratteggi.

    Anche oggi sarà una giornata redditizia
    per la geo ingegneria e i Pirloti INFAMI.

    RispondiElimina
  12. Anche a Londra la stessa storia. Dopo aver spruzzato due giorni fa per evitare precipitazioni e bagnare il pubblico delle Olimpiadi, oggi hanno ricominciato in modo massiccio.
    Sulla torre piu' alta di Londra (lo Shard di Renzo Piano), si nota una nube bronzeo-grigia di umidita' e smog. Al di sopra nulla di piu di un velo biancastro formato da linee persistenti.

    Il bello e' che sopra londra non esistono airways ma solo corridoi di atterraggio e decollo. Aerei che viaggiano all'altitudine attuale non hanno ragione di esistere...ed infatti non sono tracciati sul radar.

    La differenza tra i regimi totalitari e quelli "democratici" nel risultato non esiste. Con i totalitari vedi i crimini per reprimere le proteste, nei democratici usano invece la dissuasione per mezzo di elementi contraddittori e disinformanti. I media, anche se ne parlano, attribuiscono gli interventi di cloud seeding solo nel caso in cui si verificano in Russia o nazioni non interamente alleate con l'occidente. (vedi TG1 su parata militare a Mosca). Quando invece si tratta di paesi occidentali, coloro che mettono in risalto la stessa condotta diventano tutti pazzi.

    RispondiElimina
  13. Hydroptere, hai tracciato un quadro icastico e veritiero. Le "democrazie" sono regimi totalitari in cui l'ipocrisia nasconde ogni bruttura.

    Ciao

    RispondiElimina
  14. ci siamo... le piogge nel milanese cadute più o meno spompatamente, salvo veloci bombette d'acqua fino a ieri, sono ormai un ricordo... e chissà quando rivedremo cadere in una sola giornata più di 10mm di pioggia (non è tanto... ma almeno fare doppia cifra di questi tempi per provare a consolarsi).
    al loro posto da questa mattina, stupendi graffiti biancacei dipingono il cielo... merito dei pittori un po' naif del aviazione italiana e internazionale... grazie ragazzi... ora si che riconosco il cielo mortifero di questa era...
    ... ah quasi dimenticavo... hanno già dato un nome al prossimo fantasmagorico anticiclone in arrivo da atlantide? Non vorrei rimanere indietro con l'appello, visto che siamo in periodo di riapertura delle scuole.

    RispondiElimina

I commenti sono sotto moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis