lunedì 9 aprile 2012

La tempesta dopo la quiete

Nei giorni scorsi le attività chimico-biologiche sono state inaspettatamente interrotte o, per lo meno, diradate sicché le condizioni meteorologiche hanno recuperato caratteri naturali, con precipitazioni anche nevose, cieli azzurri, nuvolosità naturale (cumuli, stratocumuli, cumulonembi) aria frizzante. E’ evidente che sono sufficienti poche ore di pausa nelle criminali operazioni affinché si ripristinino gli equilibri della biosfera. E’ di converso palese che la dispersione di composti igroscopici incide in modo pesante sulle situazioni atmosferiche: prescindere dalla valutazione di questa variabile significa incorrere negli errori e nelle approssimazioni dei meteorologi ufficiali che, ad esempio, sono costretti a rinviare sine die la previsione di piogge e, via via, a ridimensionarla, in concomitanza con l’arrivo delle “innocue velature”. Va rilevato che le piogge cadute non hanno, però, risolto la crisi idrica, mentre le mappe satellitari indicano una ripresa in grande stile delle azioni di Geoingegneria clandestina ed illegale.

Previsioni per i giorni 10, 11 e 12 aprile 2012

Martedi', 10 aprile 2012

Nord: Nubi in aumento a partire da Ovest con primi fenomeni a ridosso dei rilievi tra Liguria, Piemonte e Ovest Lombardia. Tendenza ad ulteriore incremento delle precipitazioni per la serata (salvo attività di aerosol), in estensione a tutto il Settentrione entro la notte.

Centro: Mortali velature e stratificazioni artificiali in transito ed addensamenti più compatti sull'alta Toscana con qualche debole, improbabile piovasco. Verso sera aumentano le nubi sulle Tirreniche con piogge possibili sulla Sardegna, Toscana, Lazio ed Umbria.

Sud: Giornata prevalentemente "soleggiata", caratterizzata dal transito di stratificazioni nuvolose artificiali. Velenose velature indotte più spesse in serata a partire dalla Campania e dalla Sicilia con residui piovaschi la notte su trapanese, palermitano e bassa Calabria ionica.


Mercoledi', 11 aprile 2012

Nord: Tempo perturbato con piogge e rovesci diffusi, anche temporaleschi tra Liguria ed Emilia Romagna; neve sulle Alpi dai 900-1400m. Dal pomeriggio si esauriscono i fenomeni a partire da Ovest Alpi con il ritorno di scie persistenti e coperture indotte in estensione entro fine giornata a Nordovest, Lombardia ed Emilia Romagna.

Centro: Spiccata instabilità con acquazzoni diffusi, più intensi ed a carattere temporalesco sui settori tirrenici. Conclusione dei fenomeni in serata a partire da Sardegna e Toscana con schiarite chimiche in estensione altrove durante la notte.

Sud: Tempo instabile con piogge e rovesci sparsi, in esaurimento tuttavia già nel corso del pomeriggio su basso versante adriatico, Ioniche e Sicilia. Ancora instabile sul basso versante tirrenico con piogge in attenuazione la sera.

Giovedi', 12 aprile 2012

Nord: Perlopiù "soleggiato" (cielo bianchiccio e privo di nuvolosità da bel tempo) al Nordovest, salvo qualche annuvolamento sui settori alpini di confine. Parzialmente nuvoloso altrove, specie a ridosso dei rilievi, con residue piogge sul Friuli. In serata tornano ad aumentare le nubi al Nord Ovest con primi fenomeni, nevosi dai 1300-1500m sulle Alpi.

Centro: Giornata caratterizzata da cielo opaco e bianchiccio, con locali residui e supersititi annuvolamenti a ridosso della dorsale. In serata mortali velature indotte e stratificazioni da geoingegneria in arrivo da ovest e con intensificazione la notte sulla Sardegna, in contrasto con probabili piogge e rovesci.

Sud: Prevalenza di "bel tempo", salvo residua supersiste nuvolosità lungo il basso versante tirrenico e stratificazioni chimiche da aerosol clandestini in arrivo la sera da ovest. Possibili residue piogge la notte sulla Sicilia occidentale.


NOTA: Le condizioni meteo e le attività di aerosol clandestine sono previste in base alle informazioni indirettamente fornite dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Dati a loro volta incrociati con le previsioni fornite dai portali meteo che sono debitamente informati delle operazioni di geoingegneria clandestina sul territorio italiano ad opera dei militari.

24 commenti:

  1. Nel milanese a Pasqua ho notato soprattutto il sorvolo molto frequente di droni... uno addirittura a quota bassissima! Altri a quote medio-alte (di visibilità a occhio nudo).

    Vento molto forte, con raffiche fino a 65km/h.

    Oggi scie chimiche in quantità elevatissime, tanto che il cielo per lo più è stato molto biancastro... sorvoli continui a reticolo sia di persistenti che semipersistenti.

    Dicono che domani ci sarà poca pioggia dalla sera e moderata mercoledi... ma se vanno avanti cosi, sono pronto a scommettere che nei prossimi 2 giorni se cadranno altri 10mm di pioggia come la scorsa settimana, sarà già tanto.

    RispondiElimina
  2. Sicuramente è come scrivi: la variabile è sempre quella rappresentata dalle attività di aerosol. Oggi comunque hanno recuperato il tempo perduto tra ieri e ieri l'altro e la copertura al Nord è stata capillare.

    RispondiElimina
  3. Cadrà un'esigua quantità di pioggia sporca.

    RispondiElimina
  4. Come sempre nel Ponente ligure le piogge toccano l'altezza di Berlusconi...

    RispondiElimina
  5. Also sprach Ilmeteo.it per i prossimi giorni. Mini-ciclone ...

    http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/dopo-il-freddo-di-pasquetta-arriva-la-pioggia-e-venerdi-un-mini-ciclone-1186356/

    Mah staremo a vedere ...

    RispondiElimina
  6. Li ho visti anch io, diversi droni, oggi. Emettono una sola scia.
    Ciao ragazzi.

    RispondiElimina
  7. Che sta succedendo? Giuliacci poco fa aveva annunciato siccità praticamente garantita. Ora questa:


    Pioverà tanto e anche forte, la siccità sarà solo un lontano ricordo e, anzi, non sono da escludere problemi ambientali completamente opposti come frane, smottamenti e fiumi in piena.


    Introduce lo stesso articolo:Saranno state le preghiere invocate nei giorni scorsi dal cardinale di Firenze, oppure semplicemente Madre Natura che, come sempre, in climatologia tende a compensare i suoi estremi.

    http://www.meteoweb.eu/2012/04/previsioni-meteo-forte-maltempo-anche-nei-prossimi-giorni-aprile-sara-da-piogge-record-addio-siccita/128028/

    Misteri...
    Gli orsi bianchi dell’Alaska soffrono di alopecia, ovvero perdono il pelo, e di altre lesioni cutanee, ma gli scienziati non riescono a scoprirne la causa
    http://www.meteoweb.eu/2012/04/mistero-in-alaska-gli-orsi-polari-perdono-il-pelo-e-le-foche-muoiono-non-si-riesce-a-capire-perche/128046/

    In Toscana oggi grande ripresa ....Non solo la natura ricompensa...

    RispondiElimina
  8. Su Milano a Pasqua niente scie. Che bella giornata!
    A Pasquetta invece la scacchiera alle 8 della mattina era già in lavorazione, e durante il giorno le finte nuvole (forse per via anche del vento) hanno preso forme molto innaturali.
    Che bello però rivedere le vere nuvole... anche se per poco :(

    RispondiElimina
  9. Intanto il quotidiano genovese IL SECOLO XIX titola in prima pagina "Liguria: emergenza idrica".

    Non piove, Ermione.

    RispondiElimina
  10. http://www.ilsecoloxix.it/p/imperia/2012/04/09/APFu8KHC-siccita_sanremo_allarme.shtml#axzz1rcsuIMkJ

    RispondiElimina
  11. Skunkrat, torna a giocare con le bambole.

    RispondiElimina
  12. Identificato uno dei più maledetti diffamatori della Rete, a suo tempo raccomandato da hanmar (Michele Galloni).

    Valeriano Rampin alias vale56 (sistemista informatico presso Unicredit).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://spazioinwind.libero.it/vale56/vale.html

      Elimina
  13. nel milanese ha iniziato a piovere "bene" da ieri nel tardo pomeriggio, ieri circa 20mm, oggi già 30mm sono caduto, e sono ancora le 11 del mattino... pioggia copiosa e consistente... se va avanti cosi, entro stasera avrà piovuto, in solo 24 ore, quasi l'acqua caduta nei restanti giorni del 2012 fin qui trascorsi.

    come va nelle vostre zone di osservazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era prevedibile che si tornasse alle piogge, dopo l'estremizzazione del periodo siccitoso, se si ricorda quanto scritto nel programma di manipolazione climatica firmato nel 2002 con gli U.S.A.

      [...] 1) Lo sviluppo di nuovi sistemi per la realizzazione di esperimenti di manipolazione dell'ecosistema che permettano di esporre la vegetazione a condizioni ambientali simili a quelle attese in scenari di cambiamento globale;

      2. Lo studio, l'analisi e la comprensione dei principali meccanismi di risposta della vegetazione e degli ecosistemi mediterranei ai diversi fattori di cambiamento (temperatura, precipitazioni ed aumento della concentrazione di CO2 atmosferica);

      3. La quantificazione degli effetti complessivi del cambiamento sulla produttività e sulla vulnerabilità degli ecosistemi (fertilizzazione da CO2, variazione della disponibilità idrica ed aumento di temperatura).

      Elimina
  14. cmq di sicuro le fabbriche che producono Bario non andranno in crisi per questo :-)

    intanto altri terremoto nel pacifico, ma mi chiedo, con intensità cosi forti, c'è da credere che siano solo naturali o anche in questi vi puo' essere la mano di qualche stato nelle viscere terrestri?

    RispondiElimina
  15. Un terremoto di 8,9 Richter non mi sembra naturale.

    Ciao

    RispondiElimina
  16. Le scosse sono state quattro, di diverse entità e profondità, questa è la tabella: http://www.iris.edu/seismon/zoom/events/?lon=89.5335&lat=2.9292

    RispondiElimina
  17. Tra l'altro i terremoti artificiali sono descritti in 1984, il "romanzo" pubblicato nel lontano 1948. Anche le operazioni chimiche datano dagli anni 20 del XX secolo: le nefaste tecnologie militari sono sempre meno recenti di quanto si possa pensare.

    RispondiElimina
  18. da notare anche la simbologia del 11... se deve succedere qualche cosa... spesso la fanno succedere in questa data (non ultimo il terremoto 13 mesi fa in Giappone) la natura non è cosi capace da sola di leggere cosi bene il calendario...!

    RispondiElimina
  19. dalla provincia di Treviso, Veneto orientale:
    per la rovina delle proprie coltivazioni a causa della siccità,stamane un agricoltore della mia zona si è tolto la vita.

    http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=190703&sez=NORDEST&ctc=0#commenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contento di non essere l'unica pecora nera del nordest trevigiano
      buona giornata

      Elimina
    2. @ topochesalta, buongiorno
      no, non sei l'unico c'è molta gente anche qui che adesso guarda il cielo senza le fette di prosciutto calate sugli occhi...comunque quello che percepisco , ed è la cosa più grave, è il senso di totale impotenza: un altro aspetto del fatto che il nostro destino oltre a quello economico sembra non poter essere più tutelato o governabile tramite una rappresentanza politica/istituzionale.

      Elimina
    3. Segnalo questo contenuto audio (per chi non lo avesse ancora ascoltato), che descrive le metodologie ed i motivi che stanno dietro alle attività clandestine di aerosol.

      Elimina

I commenti sono sotto moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis