lunedì 6 febbraio 2012

Correnti a getto e gelo

La deviazione sull'Atlantico della corrente a getto polare, è associata ad un flusso di aria gelida proveniente dall'emisfero Nord, precisamente dalla regione tra la Groenlandia e l'Islanda. Il vortice risulta bloccato a sud dalla jet stream che, scorrendo sopra l'Africa, implica un flusso d'aria calda. La situazone presumibilmente resterà sostanzialmente invariata almeno sino al giorno 8 febbraio 2012, con l'anticiclone che insisterà ancora sul Centro e Sud Italia.

Per questo motivo i prossimi tre giorni saranno caratterizzati ancora da freddo intenso e nevicate, anche se le precipitazioni saranno in special modo appannaggio del Centro Italia e delle regioni meridionali. Nel frattempo le operazioni di aerosol non si sono interrotte né si fermeranno. Di conseguenza al Nord, laddove il fenomeno sarà meno occultabile per via del diradamento della coltre nuvolosa naturale (o quasi), saranno di nuovo presenti le ormai famigerate "innocue velature". Nelle regioni in cui si verificheranno delle schiarite (Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Toscana, Emilia Romagna), si potranno osservare cieli lattiginosi e velivoli che rilasceranno scie chimiche di tipo non persistente. Comunque le operazioni, da tempo ormai, si concentrano soprattutto nella notte, al di fuori di sguardi indiscreti. In ogni caso un cielo trattato chimicamente con prodotti igroscopici, è bene puntualizzarlo, è un cielo privo di nubi cumuliformi e dal colore azzurro pallido, quasi fosse un vetro smerigliato. Il termine "bel tempo" dei servizi meteo militarizzati è un inganno, dato che l'aria è permeata di metalli pesanti e biossido di zolfo. Un cielo sereno, al giorno d'oggi, non è il cielo di quindici anni fa. E' un cielo finto, preparato ad hoc per trasferire adeguatamente segnali elettromagnetici tra satelliti e radar a terra e viceversa, caccia militari, etc.


NOTA: Le condizioni meteo e le attività di aerosol clandestine sono previste in base alle informazioni indirettamente fornite dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Dati a loro volta incrociati con le previsioni fornite dai portali meteo che sono debitamente informati delle operazioni di geoingegneria clandestina sul territorio italiano ad opera dei militari.

24 commenti:

  1. "Dopo due mesi complessivamente miti, e piuttosto piovosi, il terzo mese della stagione invernale riservò il freddo più intenso che la nostra Penisola abbia mai conosciuto nel Secolo scorso."

    Suona familiare? Qui si parla del lungo inverno globale del 1956.
    E prosegue Marco Rossi sul Meteogiornale:" Quando si verificò questa tempesta di neve, oltre a paralizzare completamente la circolazione del Centro Italia, si bloccò anche l'approvvigionamento alimentare di molte città e paesi di alta collina o di montagna, mettendo a rischio fame la popolazione di gran parte d'Italia."
    Scriveva Fiorentino Marco Lubelli
    „....possiamo senza dubbi affermare che la causa dell'ondata del '56 sia stata globale, e visto che l'unica fonte naturale di un siffatto episodio sarebbe potuta essere solo una grande eruzione vulcanica di cui non abbiamo testimonianze in quegli anni, dobbiamo concludere che le vere origini di quella anomalia siano state antropiche, figlie della guerra fredda e silenziose testimonianze di quello che sarebbe potuto succedere se malauguratamente fosse scoppiato un conflitto nucleare.
    Infatti risalgono proprio a quegli anni gli ultimi test nucleari in superficie fatti sia dai russi che dagli americani. Questa supposizione merita degli approfondimenti che non sono tema di questo articolo, ma non posso che concludere che l'inverno del 1955-56 fu davvero freddo per tutti e che le cause di una anomalia tanto marcata e vasta dovrebbero essere oggetto di studi più accurati, invece di essere oggetto solo di cronaca e costume.“

    http://www.meteogiornale.it/notizia/4850-1-1955-56-il-lungo-inverno-globale

    Bravo, ma nessuno lo fa. Nessuno analizza questa realtà ben nascosta.

    Qui dati meterologici.
    http://www.ilmeteo.it/portale/editoriale-meteo-terribile-inverno-gelido-1956

    Quale sono le cause della corrente ondulata in forma omega ( evitano pare anche di nominarla in questo modo) qui segnalata:
    http://www.3bmeteo.com/giornale-meteo/da-martedi---neve-in-collina-sul-medio-adriatico--55941

    A monte c'è questo, ma si dovrebbe andare oltre.

    "Già da diversi anni abbiamo iniziato a prendere confidenza con il termine Stratwarming, che indica un forte riscaldamento di temperatura nella Stratosfera, ovvero all'interno del secondo dei cinque strati in cui è convenzionalmente suddivisa l'atmosfera."
    http://www.meteogiornale.it/notizia/22258-1-cenni-sullo-stratwarming-come-potrebbe-scombussolare-inverno

    …. quale le cause di queste anomalie che non sanno spiegare gli esperti, le anomalie si ma non le cause.Die formazione anomala Omega si parla da qualche anno,e sopratutto che anomalie non siano più perché più frequenti adesso, da una decina di anni per essere precisi.

    L' anomalia del '56?
    Sì c'erano test nucleari in alto in quei anni.Qualcosa si trova che testimonia , ma certo non tutta la realtà.

    C 'era un Project Jetstream in corso ed un altro che accompagnava misurando via stratballoon le correnti in alto,controllava pare anche le radioattività. Come mai?

    Motivazione ufficiale? I palloni mandati in stratosfera ( lanciando dentro la corrente) dovevano controllare il nemico russo e se LORO facevano dei test nucleari.

    E leggiamo qui:
    Clue number three (or have recent events over-stimulated our imagination?) is the disclosure in Flight of May 18 of a new aircraft known as the Lockheed U-2 which will cruise at a height of ten miles "as a matter of course." It is powered by a Pratt and Whitney J57 and is to be used for studying jet streams, for investigating turbulence and gusts, for examining air for cosmic ray particles, ozone —and radio-active content. '

    http://www.flightglobal.com/pdfarchive/view/1956/1956%20-%200662.html
    Qui un documenta che testimonia le cause per il freddo del '56

    RispondiElimina
  2. Le cause per l'inverno gelido sono esaminate in questo documento del 1957.
    Jet stream to blame for snowless winter
    http://adsabs.harvard.edu/abs/1957JAtS...14..126L

    Quindi causa del grande gelo anche questa volta lo stratwarming e conseguente ondulazione del jetstream.

    La causa di questa causa!!!???? Non saranno essere esplosioni atomiche....
    Nuove invenzioni di vasta portata hanno preso il loro posto.
    Le interferenze sulla ionosfera avvengano in altri modi.
    Da quando ci sono stati voci che chiedevano nel lontano 1998 senza ottenere risposte , questa realtà trova spazio soltanto in siti come questo, ed è la realtà di interferenze via HAARP.
    Non si può non chiedere ed indagare.
    Nel 1956 c'era altra realtà e non è stata esaminata.
    Oggi abbiamo questa. E bisognerebbe dare attenzione ed indagare.

    Comunque anche il NUK non è morto.E ha una sua rilevanza. Chi ha chiesto quale sono le cosenguenze climatiche del disastro di Fukushima? E poi ci sono altre ed altre ancora...ci stanno giocando le condizioni di vita. E diventata lunga questa....grazie per lo spazio concesso.

    http://www.gpsworld.com/government/remote-sensing/detecting-nuclear-testing-11910

    RispondiElimina
  3. Grande "Nienteecomesembra", hai estrapolato bene i vari aspetti della questione ed hai messo in chiara evidenza come sia il flusso anomalo delle correnti a getto Nord Atlantico, così come noi segnaliamo da settimane. Per quale motivo i media di regime, invece, parlano di correnti fredde dalla Siberia e ciooè dal lato opposto del globo? Forse non vogliono dover parlare di questa anomalia? Top secret? Sicuramente, così come spiega il Dottor Broocks Ednew, sono i riscaldatori ionosferici la causa dello smembramento e conseguente biforcazione delle Jet Streams. Leggiamo che cosa dice Ednew:

    "H.A.A.R.P. viene sfruttato per le mutazioni atmosferiche. I rapporti del'esercito lo dimostrano, il Pentagono lo ammette nei documenti ufficiali, eppure smentisce il suo reale utilizzo all'opinione pubblica".

    Il Dottor Broocks Ednew studia i raggi E.L.F. da oltre trent'anni ed è convinto che gli effetti di H.A.A.R.P. sulla ionosfera influiscano sui cambiamenti climatici.

    Broocks Ednew: "H.A.A.R.P. non influisce sulle correnti a getto direttamente, ma in modo indiretto. Se la ionosfera si espande nello spazio, la stratosfera sottostante ad essa deve modificarsi per colmare quel vuoto e modificandosi devia il corso delle correnti a getto di migliaia di chilometri, alterando gli spostamenti dell'acqua nell'atmosfera".

    H.A.A.R.P. è solo uno dei numerosi trasmettitori di onde E.L.F. installati in tutto il mondo. Solo gli Stati Uniti ne contano tre: uno a Gakona ed uno vicino a Fairbanks, in Alaska ed un altro ad Arecibo, in Puerto Rico. La Russia ne ha installato uno a Vasir Surks, nei pressi di Nižni Novgorod e l'Unione Europea nei dintorni di Tromso, in Norvegia. Sfruttando un'azione congiunta questi trasmettitori sono potenzialmente in grado di alterare il clima di qualunque area del pianeta, modificando radicalmente la traiettoria delle correnti a getto ed innescando temporali catastrofici o tremende siccità. Il riscaldamento dell'atmosfera potrebbe persino cambiare l'epicentro degli uragani e creare delle cupole di alta pressione in grado di deviarne il corso.

    Il governo statunitense è fermo sulle sue posizioni e ribadisce che H.A.A.R.P. è semplicemente una struttura per la ricerca meteorologica, ma è forse un caso che dalla sua attivazione gli esperti abbiano registrato bizzare anomalie climatiche, tra cui massicce inondazioni, uragani e terremoti?

    RispondiElimina
  4. Molto impressionante e preoccupante anche è questa bolla, e da chiedersi da dove viene e quale il suo effetto su tutto il resto.


    http://www.esa.int/esaCP/SEMD7FNXDXG_index_0.html

    http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/12_febbraio_01/artico-cupola-corrente-golfo_9986f4ca-4d18-11e1-8838-1be80b480ae6.shtml

    RispondiElimina
  5. I porci giocano a fare la guerra nel Mediterraneo, mentre noi muoriamo assiderati. Questa mattina a -15 gradi si faceva perfino fatica a respirare, le macchine non riescono quasi a mettersi in moto dal freddo che fà manca poco che non si congeli anche il gasolio. Ho lanciato ogni anatema possibile ed immaginabile contro chi ci governa e contro i militari, vermi della peggiore specie.
    Se un Dio esiste deve distruggere Haarp.

    RispondiElimina
  6. Dico una castroneria, anche la russia possiede il suo haarp non sarà mica una ritorsione per la storia del satellite phobos grunt? si stà forse innalzando il livello di scontro climatico? comunque qui a firenze temperature più alte di quelle previste ora siamo a +1 ma il vento martella duro ieri notte raffiche fino a 85 km, umidità molto bassa e sempre le onnipresenti scie di giorno e di notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vento a 85 km/h? cazzolina!

      Elimina
  7. Non possiamo escluderlo, Zak.

    Anche qui vento fortissimo da inversione terminca. Scuote i muri, da quanto soffia forte.

    RispondiElimina
  8. Su quanto dice Zak potrebbe esserci del vero. Altrimenti perchè chiudere di punto in bianco i bocchettoni del gas verso l'Europa? Qualcosa non quadra. Intanto i media segnalano altro gelo per il finesettimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per di più sul nord è atteso il blizzard, 85 km è la velocità massima, oggi max speed 64.7

      Elimina
  9. buongiorno.
    oggi le previsioni (di regime )del nord est inducavano neve sui rilievi e nella bassa pianura padana. fino ad ora qui nella zona provincia di treviso ha fatto solo 3 cm di neve che si è gia sciolta.
    perdura la siccità. e non penso che la situazione cambi. stamattina ho visto un'immagine del noaa dal sito sciesardegna. ad ovest e sopra l'inghilterra c'è un'intensa attività di aerosol che non fa prevedere nulla di buono.
    grazie per le previsini che sono molto attendibili

    RispondiElimina
  10. Ciao, vediamo questo pomeriggio come evolve la situazione. Ti ringrazio per il feedback e per le considerazioni positive.

    RispondiElimina
  11. stamattina sulla costa abruzzese-marchigiana c'era sole con nuvole sparse in via di sfaldamento (formazione delle velature chimiche) ele temperature si sono alzate....ora alle 12.00 il sole non c'è più e pare che il tempo stia per richiudersi...

    RispondiElimina
  12. Le operazioni di aerosol sono attualmente in corso su tutto lo stivale

    RispondiElimina
  13. grazie a staker per gli aggiornamenti costanti, anche nei commenti, e pure a nienteEcomesembra.

    oggi più che commentare il meteo, il gelo e le evoluzioni... vorrei soffermarmi sul atteggiamento non tanto dei militari che vogliono tenere tutto nascosto, quanto del comune cittadino, quello ignorante, perchè ignora e non sa, del fenomeno delle scie chimiche, e alzando solo gli occhi al cielo, non riflette, non immagina, non ha proprio idea di cosa negli ultimi 15 anni e forse più gli stia passando sulla testa, tantomeno con quali conseguenze.

    Proprio l'altra sera dopo gli allenamenti parlo con un quasi coetaneo (sono del 75) (che tra l'altro ha moglie e figli... e cavolo un po' di interesse in più per qualcosa che potrebbe incidere anche sulla vita di chi hai messo al mondo) e mi fa "ma cosa dicevi l'altro sera del perchè fa freddo, nevica o c'è siccità?" e io gli dico... che il discorso è lungo è complesso, dato che aveva internet, gli ho detto, dammi il tuo email e ti giro qualche link utile a comprendere il fenomeno in maniera semplice, poi per gli approfondimenti sta a ognuno. E con un mezzo sorrisetto ironico (di chi sa tutto del mondo e poi in realtà non sa proprio nulla) mi fa "no va beh, la prox volta mi dici qualcosa a voce e basta" secondo voi a questo punto potro' avere ancor voglia di introdurgli l'argomento? La verità è che con la gente "media" che c'è in giro ovunque, saremo sempre in pochissimi a conoscere il problema e magari a volerne sapere di più... risultato... i militari avranno sempre poco da nascondere... dato che la maggioranza degli abitanti non sanno e anzi molto spesso o non vogliono sapere, o se vengono a conoscenza dicono... che tanto il cielo è sempre uguale (anche gli anziani eh).

    Concludo, indignato, pensando a tutta la neve e ghiaccio che già sono stati abbondanti fino a oggi e relativi danni prodotti a cose e persone, sentendo forze dello stato e protezione civile che dicono che fanno e faranno del loro meglio... ma non sarebbe meglio prevenire anzichè curare? ... perchè non vanno tutti in blocco a bussare alle porte dell'aereonautica militare a chiedere spiegazioni serie, anzichè sorbirsi loro, come noi, i bollettini meteo che impazzano poi sulle nostre tv, pieni di bugie e omissioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francamente non credo, mi permetto di risponderti: in realtà qualcosa del genere è stato già tentato da alcuni coraggiosi cittadini di Firenze.
      Avevano occupato fisicamente la sede Arpa della loro regione, ottenendo in cambio risposte fasulle o il solito gioco dello scaricabarile (è colpa dei militari, dei politic, dell'enav) rimpallandosi tra di loro le responsabilità, occhio non vede cuore non duol.
      La verità, caro amico è che sta andando a ramengo tutta questa società votata al male, tranne qulche individulità che si è accorto di questa situazione fuori dal normale e cerca di combatterla (massimo onore e rispetto) gli altri nostri fratelli umani preferiscono vivere nel limbo della loro mediocrità, come i tonni che cadono nelle reti per essere massacrati.
      Credo che quello che stiamo vivendo sia uno degli scenari peggiori, forse la peggiore epoca storica dell'umanità. Ciao!

      Elimina
    2. Su questo non ci piove... la gente va avanti a fari spenti... ma nonostante le varie problematiche quotidiane che ognuno di noi ha, specie in questa epoca di crisi, economica, ma anche di tante altre cose, secondo me rinunciare a guardarsi attorno e capire davvero in che mondo si cammina ogni giorno, equivale a vivere come degli automi (che poi è quello che vorrebbero diventassimo, gli stessi bravi ragazzi, che ci mandano tutta questa "manna dal cielo").

      Elimina
  14. Meteorologists at Freie Universität Identify Cause of Cold and Warm Periods during Winter
    New Research on Stratospheric Warmings Highlighted in “Nature Geoscience”

    The phenomenon of stratospheric warming was first discovered in 1952 by Professor Richard Scherhag at the Institute of Meteorology, Freie Universität Berlin. It appeared in the scientific literature as the “Berlin phenomenon.” In the meantime, these events are referred to as “sudden stratospheric warmings,” and 30 have been registered so far.



    Only a single stratospheric warming occurred between the winters of 1988/1989 and 1997/1998, while nine have been registered since the beginning of this millennium.
    So far there has been no explanation. With their new research......

    http://www.fu-berlin.de/en/presse/informationen/fup/2011/fup_11_013/index.html

    RispondiElimina
  15. Interesssante questo

    http://mf.centrometeolombardo.com/main.asp?FS=D&MN=2086029&Pg=1&FK=1000266136

    RispondiElimina
  16. Un commento in un forum Meteo..

    Approfondendo ulteriormente il discorso stratwarming mi preme fare una doverosa precisazione:qualcuno potrebbe pensare (come ho dedotto leggendo alcuni post di questo Forum) che gli studi della stratosfera facciano capo a teoremi o a procedimenti aleatori fatti a spanne che determinano come conseguenza un amplificazione dinamica degli errori di analisi e quindi previsioni molto approssimative,o peggio tirate a caso dunque errate,sia a livello delle eventuali successive connessioni troposferiche che nella stesura delle cosiddette previsioni stagionali.

    Niente di più sbagliato!Il fenomeno è oggetto di studio e regolarmente monitorato fin dagli anni 50,tant'è vero che ad oggi sono stati predisposti modelli matematici,del tutto simili a quelli adoperati per la troposfera,che vengono utilizzati per le analisi stratosferiche e le relative previsioni.Gli stessi modelli sono oltretutto molto più affidabili a causa della maggiore stabilità degli strati atmosferici superiori.

    RispondiElimina

I commenti sono sotto moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis